Le Crepes

Preparo le crepes fin da bambina. Mia madre era parigina e le crepes per lei erano un’istituzione…

… negli anni ’60 non erano diffuse come oggi, non le conosceva nessuno, e nei lunghi pomeriggi invernali, quando era buio e dovevamo restare in casa, lei preparava la pastella e metteva tutti noi bambini ai fornelli, ognuno con la sua padellina. E col pretesto di tenerci impegnati, ci insegnava a rivoltarle facendole saltare in aria con un colpo di polso. La sfida era a chi le faceva più sottili. Ci ha insegnato che la crepe deve essere sottilissima, un pretesto per raccogliere il ripieno, che in quegli anni era molto semplice… una spolverata di zucchero oppure una cucchiaiata di marmellata. Noi eravamo contenti e dopo cena c’era un dolcetto che ci aspettava.

La pastella
250ml di latte, 125g di farina, 2 uova, 20g di burro, un pizzico di sale. E un po’ di burro in più per ungere la padellina.

In una ciotola capiente mettere la farina, il sale, le uova e il burro fuso (scioglietelo nella stessa padellina nella quale cuocerete, le crepes, diametro 20-22cm). con una forchetta amalgamare tutti gli ingredienti, verrà fuori un impasto sodo, che si scioglierà aggiungendo il latte a poco alla volta. In alternativa mettere tutti gli ingredienti, con la metà del latte, in un frullatore e lavorare ad una velocità media finche tutti gli ingredienti siano ben amalgamati, poi aggiungere il resto del latte.
Far riposare la pastella per una ventina di minuti, mescolando di tanto in tanto. 

Nel frattempo prendete un pezzetto di burro e mettetelo al centro di un foglio di carta-casa, richiudetelo formando una specie di tampone col quale ungere la padellina prima di versare la pastella. 

Scaldate la padella, ungetela col tampone e versateci dentro un mestolino di pastella, ruotando la padella in modo da ricoprirne tutto il fondo… se la pastella stenta a scivolare forse è un pò densa e potrà essere diluita con un po’ di latte. Non mettete troppa pastella, la crepe deve essere sottilissima!!! Quando si sarà staccata dalla padella sarà il momento di rivoltarla… ora sta a voi… o la fate saltare per aria con un deciso movimento di polso oppure… usate una più sicura palettina.

Quando la crepe si sarà colorita anche dall’altro lato, fatela scivolare in un piatto e proseguite, impilandole una sull’alta. 
Con queste dosi dovreste ottenerne almeno 15… se sono di meno vuol dire che son venute troppo spesse!!!

Ora farcitele come più vi aggrada, ma provate il mio comfort food… una crepe calda calda, appena spadellata, cosparsa di zucchero semolato, arrotolata e mangiata in 3 bocconi… adoro!

Se poi preferite un ripieno salato posso consigliare le mie preferite… spalmate con una buona ricotta insaporita con sale pepe e parmigiano, piegate in quattro, a fazzoletto e sistemate in una teglia, leggermente sovrapposte, condite con un sughetto di pomodorini freschi e basilico. Poi una passata in forno per farle gratinare. 

crepes

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...